Bimbi fragili, Alisolidali non si ferma

Alisolidali: lo stop non ferma l’aiuto ai bambini fragili “Alisolidali”, associazione non profit che aiuta i bambini che vengono da famiglie fragili, danne febbraio , con l’in zio della pandemia Covid – 18 . non ha più potuto operare attraverso l’accoglienza dei piccoli ospiti. In attesa del i a ripresa della normalità e attività, “Alisolidali” si è però riconvertita. consegnando i buoni spesa alle famiglie dei piccoli in diffìcoltà- A pagina IX Coronavirus, la città Bimbi fragili, Alisolidali non si fermi L’associazione prima del lockdown accoglieva 25 ragazzi > «Siamo pronti ad aprire per i centri estivi ma serve sostegt di famiglie in difficoltà: ora aiuta a consegnare i buoni spesa E lanciano una raccolta fondi per avviare il recupero scolastico
 
LA SOLIDARIETÀ PADOVA
 
La loro sede è in via Piovose 74 locali messi a disposizione dai Servizi Sociali, ed è stata inaugurata poco più di un anno fa, il 16 marzo 2019, dal vicesindaco Lorenzoni e dal vicario monsignor Zatti. “Alisolidali” associazione non profit si è prefissa di aiutare i bambini che vengo no da famiglie fragili, anche attraverso alcuni laboratori e raccolte fondi. Ma da fine febbraio, ovvero dall’inizio della pandemia Covid-19, tutte le scuole e i centri educativi e ricreativi sono stati chiusi, di conseguenza anche à associazione non ha più potuto operare accogliendo quotidianamente i bambini. Fino a quel momento circa 25 bambini con un’età dai 6 ai 13 anni venivano accolti da due educatrici e una decina di volontarie che, oltre al sostegno scolastico, provvedevano ad attività sociali e ricreative. I bambini e le loro famiglie sono tutte segnalate dai servizi sociali o dalle scuole, per problemi economici o per difficoltà nel campo scolastico ed educativo. La quarantena, oltre che avere interrotto la “normalità”, intani, ha paralizzato l’economia aggravando situazioni già difficili e creandone di nuove. Alisolidali ha dovuto necessariamente fermare l’attività pomeridiana, ma si sta adoperando per aiutare concretamente le famiglie dei bambini in difficoltà e le mamme sole della sua rete o segnalate da Caritas, Servizi Sociali e parrocchie.
 
LA RICONVERSIONE
 
Dal territorio giungono notizie di un aumento esponenziale delle richieste anche da parte di persone e famiglie finora sconosciute ai servizi sociali e alla Caritas. Alisolidali si è organizzata aiutando direttamente con la distribuzione di Buoni Spesa per l’acquisto di alimenti “freschi” (ad esempio carne, frutta e verdura), che normalmente non vengono forniti dalle varie realtà solidali per ovvie ragioni di conservazione; inoltre offre sostegno economico per i] pagamento di affitti e bollette o per l’acquisto di mascherine . Con la preziosa collaborazione tecnica e seguendo le direttive del Centro servizi per il volontariato, l’associazione ha riconvertito la propria attività, limitando l’impegno a pochi volontari, mantenendo vivi i rapporti tra scuola e famiglie ma, soprattutto, raccogliendo le richieste pressanti di aiuto e consegnando di rena me ç a casa i buoni spesa. «’Consultandoci tra soci abbiamo deciso di mettere in capo tutte le risorse disponibili che fortu- l’attività di raccolta fondi diretta e sono venute a mancare le preziose donazioni con I mercatino di Pasqua e tutte le iniziative face-to-face.
 
Nonostante tutto non ci fermiamo e abbiamo inviato un appello a tutti i nostri amici e conoscenti per una sottoscrizione straordinaria attraverso iI nostro sito e Ia pagina Facebook con I’hashtag #lontanimavicini IBAN IT08 L030 6912 1371 0000 0002188 WWW. alisolidali.it
 
«Siamo pronti per ripartire con l’attività estiva, non appena ci verranno fornite tutte le indicazioni, con I sostegno e recupero scolastico ma soprattutto con l’attività ricreativa e di socializzazione che è venuta a mancare ai bambini e ai ragazzi.
 
 
 
POSTED BY Alisolidali | Mar, 24, 2021 |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *